Archivio per agosto, 2010

Gnocchi di fagioli

Lessare le patate, e schiacciarle con l’apposito attrezzo. Unire la farina di fagioli fino a completo assorbimento. L’indicazione della quantità della farina  è relativa perchè in funzione del tipo di patata utilizzata.

Formare dei filoncini dello spessore di un dito e tagliarli a tocchetti. Passarli sul “pettine” di legno o su una forchetta per le classiche rigature.

Per il sugo

Affettare le cipolle di Breme  e farle appassire a fuoco lento con un goccio di olio evo. Aggiungere la pancetta a dadini e lasciarla rosolare. Aggiungere la salsa e lasciare cuocere per una ventina di minuti. Aggiungere sale e pepe.
Far bollire acqua e verarse gli gnocchi, la quantità necesaria ad un piatto alla volta. Quando vengono a galla lascarli ancora un minuto e poi scolarli.

Ingredienti per gli gnocchi per 4:

600 gr.di patate
150 gr.di farina di fagioli
sale

Ingredienti per il sugo:

150 gr. di cipolle di breme
75 gr. di pancetta a dadini
200 gr. di salsa di pomodoro
sale e pepe


Le cartucce

Il difficile è stato recuperare gli stampini per fare questi dolcetti. Introvabili al nord d’Italia o su internet.

Mescolare la farina di mandorle con due uova sbattute e  far riposare a temperatura ambiente per un’ ora. Montare il burro morbido con lo zucchero e l’ammoniaca, almeno 7-8 mnuti, finche è diventato bianco e spumoso. Unire il composto di farina di mandorle e uova, un cucchiaio per volta, mescolando dall’alto verso il basso in modo che non si smonti, alternando con le altre due uova sbattute aggiungendole al composto di uova e farina di mandorle. Unire il burro fuso e infine  la farina e la fecola setacciate, sempre un cucchiaio per volta. Mescolando sempre dall’alto verso il basso.

Dopo aver inserito le cartine negli appositi stampini, posizionarli in piedi in una teglia, non troppo vicini tra loro. Trasferire l’impasto in un sac à poche con bocchetta liscia  e distribuire il composto negli stampini riempiendoli fino al bordo di metallo e non della cartina che esce fuori dallo stampino

Infornare a 170° per 40 minuti, il dolce deve rimanere chiaro sotto la carta e dorato sulla punta che sbucherà cuocendo dallo stampino.

Ingredienti per 60 cartucce

200 gr. di farina di mandorle (o mandorle triate finemente)
100 gr. di farina “00”
50 gr. di fecola di patate
200 gr. di zucchero
130 gr. di burro a temperatura ambiente
20 gr. di burro fuso
4 uova
una punta di cucchiaino di bicarbonato d’ammonio (amoniaca per dolci)
un pizzico di sale
la scorza di un limone grattugiata


La gazosa svizzera

Questa ricetta  mi ha intrigato avendo un figlio spritedipendente. Cercando di migliorare la salubrità di quello che beve e grazie a Kiki100 di cookround ho fatto la gazosa Con il senno di poi,  forse più una lemonsoda che una gazosa. La ricetta è pubblicata su “Le ricette della nonna”, raccolta di ricette ticinesi curate da Noride Beretta-Varenna e da Giovanna Sciaroni-Moretti, edizioni Dadò Locarno.

Bisogna  procurarsi delle bottiglie in vetro con tappo a macchinetta oppure delle bottiglie  in PET riciclate da bibite gasate, ad esempio non quelle dell’acqua naturale.

In una pentola versare 5 litri di acqua, quando bolle aggiungere lo zucchero e, quando riprende a bollire, unirvi il succo di 7 limoni e la scorza, solo la parte gialla, di 8 limoni e la salvia.
Cuocere a fuoco basso e coperto, mescolando ogni tanto per circa 30 minuti. Lasciar raffreddare per almeno 8 ore, magari una notte.
In un altro recipiente della capacità di almeno 10 litri, mettere 5 litri di acqua fredda e  versare attraverso un colino lo sciroppo di limone e salvia ormai freddo. Aggiungere la birra e per ultimo il cremortartaro rimescolando bene.
Siccome il cremortartaro non è idrosolubile bisogna mescolare bene e spesso in modo che si distribuisca equamente in ogni bottiglia. Imbottigliare e esporre le bottiglie al sole per 3 o 4 giorni poi ritirarle in luogo fresco.
Le bottiglie non vanno riempite fino al tappo, ma al di sotto di circa 5 cm, altrimenti c’è il rischio che la bottiglia esploda per l’anidride carboica che si genera.

Ingredienti (dosi per 10 litri)

8 limoni non trattati
15 gr salvia fresca in foglie
kg. 1,200 di zucchero
33cl di birra
20 gr. di cremortartaro
10 litri d’acqua


Pancake per colazione

Mettere  la farina, il lievito, lo zucchero e  l’uovo nella planetaria. Iniziare a girare e versare a filo il latte con l’olio. Sbattere  finchè il composto non diventa spumoso .
Scaldare una padella antiaderente  versare due  cucchiai di pastella.
Cuocere  fino a quando il composto  fa le bolle e poi capovolgere e cuocere per un altro minuto.  Servire con salsa al cioccolato o altra salsa a piacere

Ingredenti

250 ml di latte
50 ml di olio evo
1 uovo grande
160 gr. di farina
4 cucchiai di zucchero
2 cucchiaini di lievito in polvere