antipasti

Madeleines alla pancetta, erbe e grana


Mi piace molto la forma delle madeleines,  e ovviamente anche il sapore. Mi piace giocare e fare delle ricette dolci dove uno si aspetterebbe il salato e viceversa. Per cui ecco qui delle madeleines salate, pronte per un aperitivo, uno snack. Il problema è che ho una forma per madeleines che ne contiene solo 12, e tra una infornata e l’altra mi tocca sempre di doverla pulire perchè si attaccano in quelle incanalature, piccole crosticine, anche se ungo bene. Oltre tutto non è di silicone e non posso usare metodi forti perchè altrimenti si graffia e allora si che si attaccherebbe tutto e di più.

Così in queste pigre giornate di inizio anno, ho optato per un metodo più sbrigativo anche se ho così rinunciato alla bellezza della forma classica della madeleines. Quella meravigliosa barchetta con la gobba. Tornerò a farla quando Babbo Natale mi porterà un bello stampo da 24, in silicone. No, non è vero, le farò lo stesso prima o poi.

Bisogna tagliare la pancetta in dadini, più piccoli sono meglio è. Setacciate la farina insieme al lievito. A parte sbattete le uova  con il grana, le erbe e un pizzico di sale. Le erbe io le coltivo sul balcone, poi ne raccolgo un pò, le faccio seccare, le trito e le conservo. Questa volta è un misto di origano, basilico, salvia, rosmarino, alloro, timo e anche un pò di menta. Mescolate il composto di uova e formaggio alla farina, aggiungendo l’olio a filo fino ad ottenere un composto omogeneo e liscio. Lasciate riposare per almeno un’ora in frigorifero.

Scaldate il forno a 250° . Nel frattempo riempite gli stampini e infornare per 4/5 minuti, poi abbassare il calore a 210° e continuare la cottura per altri 6/7 minuti, fino a quando non sono dorate.

Da servire ancora tiepide.

Ingredienti:

3 uova
120 gr. di pancetta in una fetta unica, se non è più alta di 5 mm, altrimenti due
15 gr. di grana padano
150 gr. di farina
7 gr. (1 cucchiaino) di lievito (non vanigliato)
4 cucchiai di olio evo
4 gr. di spezie tritate
sale


Non è la farcitura

La farcitura doveva aiutare la foto ma non credo che abbia ottenuto l’effetto voluto, ho adoperato quello che avevo in frigorifero ed era proprio poca cosa, una fetta di prosciutto e un paio di sottilette, con un pò di maionese e concentrato di pomodoro. La ricetta che volevo provare era quella del panettone gastronomico che trovate  nella Cucina di Marble.  E siccome l’ho rifatta uguale, non ve la trascrivo. L’unica cosa che ho cambiato sono i tempi, perchè contemporaneamente dovevo fare altre 100 cose e allora si sono un pò dilatati, specie nella preparazione del lievitino, ed ero preoccupata di aver compromesso il risultato. Ha lievitato tre o quattro ore invece che una. Però il risultato mi è sembrato ottimo lo stesso.

Per la farcitura, vi suggerisco di vedere qui e qui, oltre a ciò che la vostra fantasia vi dice.

Buon appetito


Aspettando natale

Iniziano le prove tecniche per il Natale. E continuano i tentativi di utilizzare la pasta madre avanzata dal rinfresco. Questa volta ho fatto un pane con l’uvetta, con cui accompagnare del pate  ai fegatini.

Battere il burro con lo zucchero, unire l’uovo e il latte, il sale, e con questa crema stemperare il lievito madre , poi unire la farina e il lievito chimico. Battere bene, poi unire delicatamente l’uva precedentemente lasciata in amollo e strizzata. Mettere il tutto in una ciotola unta e infarinata di circa cm 20 di diametro. Lasciare lievitare per circa 3 ore. Nel frattempo preparare la glassa sfregando il burro spezzato con lo zucchero e farina fino ad avere dei grossi grumi, unire la cannella. Spargere la glassa sull’impasto e cuocere in forno a 180°, per 45/50  minuti.

Ingredienti

250 gr.di lievito madre
160 gr.di zucchero
150 gr di uva sultanina
250 gr di farina 00
100 gr. di latte
50 gr. di burro morbido
1 uovo
10 gr. di lievito chimico
1/2 cucchiaino di sale

Per la glassa

50 gr di burro freddo
60 gr. di zucchero di canna
40 gr. di farina
cannella


Grana e fave

Questa è una ricetta molto veloce, e si basa sulla ricetta classica dell’unire  il pecorino con le fave.

Non ho usato il pecorino perchè avevo solo del grana, ma credo che possa essere facilmente sostituito. Ho preso del formaggio grattugiato e ne ho messo un cucchiaio abbondante in un tegame antiaderente. Con il calore il formaggio si è sciolto e quando si è formata una bella crosticina l’ho tolto dal fuoco. Raffreddandosi si è indurito e ha formato questa cialda su cui ho spremuto un composto di fave. Le fave sono state bollite con sedano e carote e poi frullate. Ho aggiunto un caprino per smorzarne il sapore forte e un filo d’olio. Per guarnire una mandorla.

Ingredienti:

Per le cialde:
Grana grattugiato

Per il composto di fave:
Fave
Sedano
Carote
Caprino
Olio
sale


Caviale di melanzane


Crackers


Uova nel guscio


Bignè agli asparagi


piselli e prosciutto



bastoncini di patate e grana

La ricetta non è nuova, perchè io l’ho trovata  sul bolg Dulcis in Furno e sul blog Il Mondo di Milla. Era talmente interessante che ho provato a rifarla e devo dire il risultato è stato pari alle aspettative.

Ho fatto la mia piccola modifica perchè ho adoperato formaggio grana invece di quello indicato nella ricetta originale.

Ho lavato e messo a bollire in acqua fredda le patate. Una volta cotte, con prova stecchino, vanno pelate e schiacciate con il l’apposio attrezzo.

Il lievito di birra va sciolto in un poco di acqua tiepida e unito alla farina posta sulla spianatoia. Iniziamo ad impastare, aggiungiamo la farina, l’acqua restante e il sale. Lavoriamo per 5 minuti, trasformiamo in una  palla che lasciamo a lievitare in un lugo tipedito per circa un’ora. L’impasto va coperto o con uno straccio umido o con la pellicola per alimenti in modo che la superficie non si secchi, per un’ora.

Riprendiamo la pasta, che sarà abbastanza appiccicosa ma deve esserlo, e formare dei filoncini come quando si fanno gli gnocchi e tagliarli a pezzetti lunghi circa 5 cm. l’uno e rotolarli nel grana grattugiato messo su un foglio di carta da forno. Sistemare i bastoncini in una teglia coperta da carta da forno e lasciarli lievitare ancora per cira 30 minuti.

Infornare in forno preriscaldato a 200° per circa 20 minuti.

Ingredienti:

225 gr.di patate
225 gr. di semola di grano duro rimacinata
130/150 ml. di acqua tiepida
12 gr.di lievito di birra
sale
grana grattugiato quanto basta